L'igiene dentale

PREVENZIONE ODONTOIATRICA

 All'interno della cavità orale vivono circa 700 specie di batteri, che oltre a colonizzare l'intera superficie dei denti si depositano anche sulla lingua, sulla mucosa di guance, palato e orofaringe. La flora batterica può variare da individuo ad individuo; in condizione di salute vi è un equilibrio tra i vari ceppi di microrganismi, il che impedisce ogni azione distruttiva sui tessuti duri e di sostegno dei denti. La cavità orale costituisce un habitat ideale alla proliferazione batterica perciò, se questi microrganismi non sono rimossi quotidianamente si moltiplicano e si diversificano sempre di più formando la placca batterica, che è l'agente eziologico primario della carie, che distrugge i tessuti duri del dente, e della malattia parodontale che invece colpisce l'insieme delle strutture che circondano e sostengono il dente. La placca batterica è il risultato di una complessa confluenza di microrganismi relativamente organizzati; è soffice, quasi incolore e strutturata da polimeri batterici e salivari, non è quindi un residuo alimentare come spesso si pensa. La placca in circa 20 giorni si mineralizza formando una massa dura e tenace chiamata tartaro. Quest'ultimo si accumula sulle superfici dei denti e sulle protesi dentali e tiene i batteri patogeni a stretto contatto con la gengiva, mantenendo così attiva l'infiammazione gengivale. 

IL BENEFICIO DELL'ABLAZIONE PROFESSIONALE DEL TARTARO

In ambito odontoiatrico la forma più comune e semplice di prevenzione delle patologie della bocca e dei denti è l'ablazione professionale del tartaro, o detartrasi. Per detartrasi si intende quella procedura di igiene professionale che permette la rimozione meccanica della placca batterica e del tartaro che si forma con la sua calcificazione.
Placca e tartaro sono presenti sia sulla parte visibile dei denti, detta corona, sia sulla parte non visibile, situata sotto le gengive e chiamata radice. Il tartaro si forma in maniera più frequente nelle zone ove l'igiene domiciliare dei denti è carente, ove esista una malposizione dentaria e dietro ai denti anteriori inferiori, dove lo sbocco delle ghiandole salivari, unito all'azione della lingua e alla difficoltà di pulizia, rende più facile l'accumulo del tartaro stesso.
Quando i batteri patogeni colonizzano la bocca, se lasciati indisturbati iniziano ad attaccare i denti causando la carie, ma anche le gengive, che possono infiammarsi (patologia chiamata gengivite marginale) e sanguinare durante lo spazzolamento. Se il problema viene ancora trascurato, l'infiammazione si sposta al di sotto delle gengive, dove i batteri vanno a provocare un' infiammazione sulle strutture di supporto del dente causando la malattia parodontale, comunemente chiamata piorrea.
Questa procedura, che richiede in media un'ora di trattamento, prevede l'utilizzo di strumenti sia manuali, chiamati curette, che di strumenti meccanici ad ultrasuoni, molto efficaci nel rimuovere i grossi depositi di tartaro e nell'ottenere una superficie dentale liscia, che riduce l'adesione dei batteri. Successivamente viene anche effettuata la lucidatura finale di tutte le superfici e la rimozione delle macchie residue tramite l'utilizzo di paste lucidanti e/o di apparecchi meccanici per profilassi al bicarbonato. L'igienista e/o il dentista può anche verificare, grazie all'utilizzo di liquidi rilevatori, dove la placca sia più abbondante e mostrare al paziente le zone su cui deve insistere o migliorare l'igiene domiciliare. Parte integrante della detartrasi è la visita accurata del cavo orale al fine della diagnosi precoce di lesioni (tumori, carie, segni di patologia parodontale) e l'istruzione e la motivazione all'igiene orale, durante le quali l'operatore illustra e consiglia al paziente gli strumenti e le manovre di igiene più adatte al singolo paziente.
Ricordiamo, in generale, che i denti vanno spazzolati almeno 3 volte al giorno, dopo i pasti principali, per 2 minuti utilizzando uno spazzolino adatto. L'utilizzo dello spazzolino elettrico è consigliato in quanto se utilizzato correttamente è più efficace di quello manuale. E' indispensabile poi completare la rimozione della placca con i sistemi di igiene interdentale più idonei (filo interdentale, scovolino, idropulsore), in quanto proprio nelle zone tra i denti è più facile l'accumulo di batteri e residui di cibo. Consigliato è anche l'utilizzo di collutori ad azione antiplacca ed antigengivite ad indicazione quotidiana, come ad esempio quelli a base di oli essenziali o di fluoruri.
Effettuare con regolarità la seduta di ablazione professionale del tartaro è quindi di fondamentale importanza, in quanto questo semplice ed indolore sistema di prevenzione è in grado di mantenere i denti in perfetto stato di salute per lunghissimo tempo. Uno studio molto importante, pubblicato da un gruppo di ricercatori svedesi, ha dimostrato come su più di 500 soggetti seguiti per 30 anni, le corrette manovre di igiene orale domiciliare e la regolarità delle sedute di detartrasi hanno portato alla perdita di pochissimi denti ed alla scarsissima comparsa di nuove carie e problematiche gengivali. 

 

Autore:  Dott. Francesco Martelli - Odontoiatra 

 

Scarica qua il documento completo in PDF

AllegatoDimensione
10_igiene_dentale.pdf292.57 KB